Presspubblica il sito più votato dal pubblico - Italian Web Award 2005
mercoledì, 23 agosto 2017

Te lo dice presspubblicaTe lo dice presspubblica
I consigli, i suggerimenti, le "dritte"


Il piacere di scrivereIl piacere di scrivere...
Flash, racconti, storie, novelle, poesie, romanzi, pazzie...


Come la vedo io Come la vedo io
Il tuo commento ad articoli e notizie che hai trovato interessanti


Spazio alla replicaSpazio alla replica
Con la sola regola del normale civismo, lo spazio in cui presspubblica ospita le repliche, gli sfoghi, le correzioni, le smentite


Voci di dentroLe voci di dentro Il "che si dice" dai posti di lavoro. Voci, illazioni, notizie boom, un po' di sale e di pepe dai nostri uffici


RecensioniRecensioni
I libri, i film, i CD...


Cerco offroCerco offro lavoro oltre
La casa del tuo curriculum. Attaccalo in questa bacheca con una breve presentazione


Tutti per unoTutti per uno...e tutti contro tutti La politica, dalla circoscrizione al comune, dalla provincia alla regione, dall'Italia al pianeta


Web linksIl web segnalato da presspubblica



Red@zione, credits, avvertenze ed info



Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno

 

Efficacia e sintesi   PDF  Stampa  E-mail 
Inviato da BP  
giovedì 27 ottobre 2016

Immagine dal web

Una campagna di comunicazione con messaggi ridotti all'osso e ciò che si cancella viene scarabocchiato
Esempi veramente fantastici di comunicazione sintetica. Sono quelli che di recente hanno promosso a Roma l'inaugurazione del Mercato Centrale, una sorta di Eatily dove incontrarsi prima, durante e dopo una cena. La campagna di comunicazione ha puntato sull'essenzialità, sul liberare ogni messaggio e qualsiasi testo da tutto ciò di superfluo che di solito li appesantiscono.

Il risultato è spettacolare: il messaggio "La bontà è una qualità sempre più rara e snaturata nella sua semplicità. Sempre più difficile è riuscire a recuperare la sua dimensione elementare" diventa, dopo molte e evidenti cancellature e scarabocchi di inutile testo "La bontà è elementare".

E ancora: l'invito "Il 5 ottobre dell'anno in corso alle 18 evento imperdibile apre il Mercato Centrale Roma. La signoria vostra è invitata a essere nostra gradita ospite in via Giolitti 36. Ti ricordiamo che è gradito l'abito da sera e aspettiamo gentile e pronta conferma!" si trasforma e smagrisce in "Il 5 ottobre alle 18 apre il Mercato Centrale Roma in via Giolitti 36. Ti aspettiamo!"

Spettacolare, no!?

Certo che, sforbiciando, si rischia di perdere un bel po' di forma, però si evita che il lettore si stufi e non legga fino in fondo.

Il messaggio, comunque, è proprio questo: con la sintesi forse non si dice tutto ma solo l'essenziale. Ciò che conta è il risultato, l'efficacia.

IN LIBRERIA

IL FIGLIO DEL FIUME

Il romanzo di Benny Pistone

ACQUISTALO ORA

Civitella del Tronto non si arrende. Dietro la cinta delle mura angioine e con pochi uomini a disposizione la resistenza all'esercito di Vittorio Emanuele si fa ogni giorno più difficile. L'Italia è ormai cosa fatta, un'unione siglata tramite accordi politici e poi imposta ai più. Ma nelle terre di tradizione borbonica esistono altre prove di fedeltà, altre consuetudini e alleanze. "Il figlio del fiume" è una storia romanzata, che permette di entrare a pieno nell'atmosfera di quel periodo turbolento, costellato da molte contraddizioni, eppure così decisivo per le sorti del futuro Stato italiano.

Gli articoli più letti
La stanza degli specchi
Aveva ragione Longbow
Rapita in Iraq Giuliana Sgrena del Manifesto
Amnesty International e Costantino (sì...sì..quello della De Filippi)
Roberto Dal Bosco: ricordatevi questo nome

Presspubblica 2004 - tutti i diritti riservati